Corso addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi (ex buttafuori).

Il Ministro dell’Interno con decreto del 6 ottobre 2009 (Decreto Maroni) ha stabilito che per poter lavorare nell’ambito della sicurezza,nei luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi, bisogna essere iscritti in un apposito elenco Prefettizio.
Il requisito obbligatorio per l’iscrizione al suddetto elenco è l’attestato del corso di 90 ore, autorizzato e riconosciuto dalla Regione Lazio.

FIGURA PROFESSIONALE

Nell’ambito dell’esercizio dei compiti di controllo, l’Addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi svolge le seguenti attività:

  • controlli preliminari
  • controlli all’atto dell’accesso del pubblico
  • controlli all’interno del locale

OBIETTIVO DEL CORSO

Fornire una preparazione teorico-pratica adeguata e conforme a quanto prescritto dalle norme vigenti per l’erogazione dei servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi propedeutica all’iscrizione presso gli appositi Elenchi istituiti presso ciascuna Prefettura ai sensi dell’art. 1, comma 1, del D.M. 6 ottobre 2009

Certificazione rilasciata: a tutti i partecipanti che superano la prova finale viene rilasciato l’attestato di “Idoneità propedeutico per l’iscrizione negli elenchi prefettizi di cui al D.M. 06/10/2009”.

L’insegnamento teorico e pratico è affidato a professionisti affermati del settore e a docenti laureati con pluriennale esperienza.

PROGRAMMA DEL CORSO RICONOSCIUTO EX BUTTAFUORI

Area giuridica – 30 ore:
− legislazione in materia di ordine e sicurezza pubblica;
− disposizioni di legge e regolamentari che disciplinano le attività di intrattenimento di pubblico spettacolo e di pubblico esercizio;
− funzioni e attribuzioni dell’addetto al controllo;
− norme penali e conseguente responsabilità dell’addetto al controllo;
− collaborazione con le forze di polizia e delle polizie locali.

Area Tecnica – 35 ore:
− disposizioni in materia di prevenzione degli incendi, di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
− nozioni di primo soccorso sanitario;
− nozioni sui rischi legati all’uso e abuso di alcol, sostanze stupefacenti;
− l’Aids e le malattie sessualmente trasmissibili.

Area Psicologico-Sociale – 25 ore:
− comunicazione interpersonale (anche in relazione alla presenza di persone diversamente abili);
− tecniche di mediazione dei conflitti;
− tecniche di interposizione: ContenimentoAutodifesaSicurezza dei terzi

 

bottone-richiedi-informazioni